Il Calicanto, una carezza che scalda il cuore - Marida Cesarini

NEL CUORE DELL’INVERNO, IL CALICANTO… UNA CAREZZA CHE SCALDA IL CUORE

Ascolta la lettura

Quando tutto intorno sembra morto e il freddo dell’inverno stringe la sua morsa fredda … arriva una nota che ci scalda il cuore e il giardino: il CALICANTO, un fiore, una speranza di vita.

 Il suo nome deriva dal greco e significa "fiore d'inverno". 

“D’inverno, né calore, né luce, né pien meriggio; la sera e il mattino si confondono, tutto è nebbia e crepuscolo, la finestra è appannata e non ci si vede bene. Il cielo è uno spiraglio, come l’intera giornata è una cantina: il sole ha l’aria d’un povero. Stagione spaventosa! L’inverno muta in pietra l’acqua del cielo ed il cuore dell’uomo.” (Victor Hugo)

È vero, le parole di Victor Hugo sono vere, l’inverno è tutto questo, ma non finisce qui, basta un fiore che sboccia e torna a rinascere la speranza.

C’è un fiore, o meglio un arbusto, non molto conosciuto, forse, che fiorisce a Gennaio, nel cuore dell’inverno.  Proprio quando la natura è addormentata, come morta, lui fiorisce!

È il fortissimo Calicanto, originario della Cina, dove cresce fino a 3.000 metri, un fiore incline a resistere al freddo, proprio grazie alla sua struttura cerosa che protegge le cellule vegetali dei petali.

Un fiore dalla fragranza intensa portatore di una piccola, grande magia.

La sua fioritura invernale fa dimenticare spesso i rigori della stagione, dando una nota aromatica e allegra ai giardini che li ospitano.

In alcuni paesi è usato come elemento decorativo della casa, grazie soprattutto alla sua inconfondibile fragranza, particolarmente intensa.

Il Calicantus simboleggia la forza e la tenacia nelle avversità perché sboccia in inverno.

Una carezza che scalda cuore .

I fiori e le piante sono spesso i protagonisti di favole e leggende molto suggestive, che possono trasformarsi in brevi storie da raccontare non solo ai bambini.

Sul calicanto d’inverno esistono più leggende che sottolineano la natura straordinaria di questa pianta… una di queste racconta l’origine del calicanto e l’altra racconta la sua magia.

L’origine del Calicanto: Si narra che in un tempo molto lontano, durante un gelido e nevoso giorno di gennaio, un piccolo pettirosso vagava infreddolito tra i cespugli in cerca di un riparo dalla neve. I rami nudi rispondevano languidi alla sua richiesta di aiuto producendo suoni lamentevoli per comunicargli mestamente che in alcun modo potevano essergli di sollievo, ma tra tanti rami spogli il povero pettirosso, ormai stremato e fiaccato dal freddo, riuscì finalmente a trovare ricovero sotto un gruppo di foglie, brunite, rinsecchite dal gelo, ma ancora attaccate ai rami: l'ospitalità gliela stava offrendo un cespuglio di Calicanto. Il cielo, vedendo un atto di così naturale e spontanea misericordia, quasi si commosse e non poté esimersi dal premiare l'umile cespuglio facendo scendere su di esso una pioggia di stelle luminose dall'intenso profumo. Da allora il Calicanto continua a fiorire a Gennaio deliziando i nostri gelidi giorni d'inverno ed avvolgendo della sua unica ed inconfondibile fragranza i nostri giardini solo in apparenza dormienti.

Un rametto di calicanto in fiore è il dono ideale quando si vuole offrire la propria protezione o il proprio aiuto alla persona che dovrà riceverlo. Secondo le usanze popolari il calicanto, essendo una pianta che risveglia lo spirito ed il corpo, con il suo aroma, nella fredda stagione invernale, dovrebbe essere usato per sfregarsi e profumarsi, ogni mattina, polsi e caviglie al fine di rinforzare e rinvigorire corpo e spirito.

Governata dal sole, questa pianta infonde coraggio e dissolve i pensieri negativi.

Nel linguaggio dei fiori un fascio di rami di licantus promette a chi lo riceve un’affettuosa protezione.

Un’altra leggenda che arriva fino a noi e che sottolinea la natura quasi magica di questo arbusto, ci racconta la storia di un bambino tanto malato che per guarire, aveva bisogno di un fiore. Ma era inverno, i giorni del gelo, il periodo in cui tutti i fiori debbono ubbidire alla grande “legge del sonno”.
La madre disperata supplicava: “Alberi del mio giardino, vi ho sempre trattati con cura. Datemi un fiore per il mio bambino. “
Ma gli alberi indifferenti dormivano e quelli che si svegliavano borbottavano: “Chi ha fretta di fiorire, ha fretta di morire”.
Soltanto una pianticella, tutta coperta di bottoncini scuri, tentava di aprire le sue gemme per esaudire il desiderio della giovane mamma.
Il gelo infuriato subito le gridò: “Vuoi disubbidire alla grande legge del sonno? Morirai!”
Ma una luce brillò e la pianticella si coprì di fiori profumatissimi. Era nato il calicanto, il fiore che non ha paura del gelo. E la mamma, felice, lo portò al suo bambino che immediatamente guarì.

Il fatto che fiori così minuscoli sopravvivano al gelo e abbiano una profumazione tanto intensa ci ricorda che i miracoli accadono: per quanto sia difficile la vita, la bellezza delle piccole cose non ci abbandona mai.  

L'essenziale è invisibile agli occhi, si legge nel capolavoro "Il Piccolo Principe". Sembra proprio che sia così e molto spesso è la natura stessa a confermarlo.

L’inverno, insomma, è un momento in cui dobbiamo far i conti con le difficoltà della vita.

Ma  “se non avessimo l’inverno, la primavera non sarebbe così piacevole: se qualche volta non provassimo le avversità, la prosperità non sarebbe così gradita.

Anne Bradstreet

E allora guardiamo alla Natura: come l’Alicanto fa sbocciare i suoi fiori gialli proprio nel cuore dell’inverno, emanando un gradevolissimo profumo…così anche noi, non ci arrendiamo al freddo degli inverni della vita, ma facciamo  sbocciare il fiore della speranza che inonderà di profumo chiunque ci sta intorno.

“ Nel bel mezzo dell’inverno,

ho infine imparato che vi era in me

un’invincibile estate.” (Albert Camus)

  • Visite: 93

Citazioni Musicali
The artists always reflect the times, so there's a lot to think about, a lot of unknowns, a lot of things that are describable. This is the closest I've seen to the kind of ambience that made the '60s happen. It's not about the artist having a responsibility to do anything. They have to be artists and express themselves and everything will work out fine.
Neil Young
Neil Young
Citatis.com

Licenza SIAE n. 202000000154 - Licenza SCF n. 167/5/21

PAGE TOP