On Air: Loading ...---

  • Home
  • Notizie
  • Notizie Regione

On Air: Loading ...---

Notizie dall'Umbria

L'oroscopo del Corriere di oggi giovedì 2 dicembre 2021. Amore, salute e soldi: le previsioni per tutti i segni

Le previsioni delle stelle per tutti i segni zodiacali. Di seguito l'oroscopo del Corriere per il giorno di oggi, giovedì 2 dicembre.

ARIETE: Molteplici impegni e un notevole carico di lavoro vi permetteranno di prendere le distanze da una relazione di cui non capite ancora il senso. 
TORO: Le soddisfazioni sul fronte professionale vi danno la carica per affrontare con ottimismo gli eventuali ostacoli che si presenteranno.
GEMELLI: La vita affettiva scorre placidamente e le emozioni colorano di romanticismo la vostra giornata. La Fortuna continua ad assistervi.

 

  
CANCRO: La fretta è nemica del bene. Trovate il modo per rendere efficaci le mille idee che vi frullano per la testa e fatelo con calma e razionalità. 
LEONE: Tempo di cambiamenti, non tutti positivi e non tutti attesi. Cercate di fare buon viso a cattivo gioco e di puntare sulla flessibilità.    
VERGINE: Inaspettatamente una persona che non avete mai stimato granché sarà proprio quella che vi darà un consiglio prezioso per vostro futuro. 
BILANCIA: Le vostre idee sono chiare, i vostri obiettivi fissati e la strada da percorrere pianificata. Adesso non vi resta che mettervi in marcia. 
SCORPIONE: Tenderete ad essere piuttosto accondiscendenti, ma attenti a tacere un eventuale disappunto. Alla fine i nodi vengono sempre al pettine.

 


SAGITTARIO: Le Stelle vi sorridono e voi saprete cogliere al volo un'opportunità che potrebbe rappresentare l'inizio di una rinascita emotiva e psicologica.
CAPRICORNO: La vostra determinazione vi ha sempre portati lontano. Ore la vostra ambizione vi spinge a fare un passo in più. Ma attenzione a quel che perdete.
ACQUARIO: Il vostro umore oggi non sarà dei migliori, sarete annoiati e tenderete a fare il minimo indispensabile. Vi servirebbe una buona dose di grinta.
PESCI: Non scoraggiatevi se oggi vedrete tutto nero, presto le cose si sistemeranno e già in serata potreste vivere momenti molto piacevoli

 

Leggi tutto

Elettra Lamborghini versione Babbo Natale, regala il lato B | Video

Un'Elettra Lamborghini si conferma super sexy anche in versione Babbo Natale e ai suoi followers regala... il lato B. Con un breve video pubblicato su Instagram la bella e ricca ereditiera ha deciso di lanciare il suo nuovo singolo intitolato A mezzanotte mettendo in mostra il suo sedere. La natica sinistra è tatuata a macchia di leopardo. Super sorriso, seno strizzatissimo in un corpetto rosso, stivali anche loro rossi e attillati, gonnellino cortissimo che tutto lascia intravedere. Poi ci pensa Elettra a mostrare il lato B. Apprezzatissimo considerato che in quattro ore il video è stato visualizzato da oltre un milione e mezzo di persone. Numeri da star.

 

 

Elettra, 27 anni, è originaria d Bologna ed è figlia di Luisa Peterlongo e dell'imprenditore Tonino Lamborghini, nonché nipote dell'imprenditore Ferruccio Lamborghini, fondatore dell'omonima azienda. Elettra dopo le prime apparizioni in tv nello show Chiambretti Night, si è fatta conoscere nel programma Super Shore, nel 2016, trasmesso in Spagna e America Latina. Protagonista del docureality Riccanza, ha posato per Playboy Italia e poi partecipato a Geordie Shore. Grande successo poi 2018 ha avuto  con il suo primo singolo da solista, intitolato Pem Pem. Ormai lanciatissima, è stata coach nella sesta edizione di The Voice of Italy, ha pubblicato l'album Twerking Queen, partecipato al Festival di Sanremo (2020) con la canzone Musica (e il resto scompare). Recente opinionista nel reality L'isola dei famosi affiancando Iva Zanicchi, ora è tornata alla musica e ultimamente lancia i suoi brani con provocanti esibizioni delle proprie curve.

 

 

 

Dichiaratamente bisessuale, è legata sentimentalmente al disc jockey olandese Afrojack; la coppia si è fidanzata ufficialmente il 25 dicembre 2019 e il 26 settembre 2020 si è sposata a Villa del Balbiano, a Ossuccio, sul Lago di Como.

 

Leggi tutto

Vaccino bambini, sì dell'Aifa per la fascia 5-11 anni: sarà volontario

Anche i bambini potranno vaccinarsi contro il Covid. La commissione Tecnico Scientifica di Aifa ha infatti approvato l'utilizzo del vaccino Comirnaty (Pfizer) per la fascia di età 5-11 anni. La somministrazione avverrà con una dose ridotta, un terzo del dosaggio autorizzato per adulti e adolescenti e con formulazione specifica. La vaccinazione avverrà in due dosi a tre settimane di distanza l'una dall'altra. Secondo gli esperti "i dati disponibili dimostrano un elevato livello di efficacia e non si evidenzino al momento segnali di allerta in termini di sicurezza". Inoltre, per evitare possibili errori di somministrazione la Cts raccomanda, "per la fascia di età in oggetto, l'uso esclusivo della formulazione pediatrica ad hoc suggerendo quando possibile l'adozione di percorsi vaccinali adeguati all'età". Nel parere, la Cts osserva che "sebbene l'infezione da SARS-CoV-2 sia sicuramente più benigna nei bambini, in alcuni casi essa può essere associata a conseguenze gravi, come il rischio di sviluppare la sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-c), che può richiedere anche il ricovero in terapia intensiva". Inoltre la vaccinazione per i bimbi "comporta benefici quali la possibilità di frequentare la scuola e condurre una vita sociale connotata da elementi ricreativi ed educativi che sono particolarmente importanti per lo sviluppo psichico e della personalità in questa fascia di età". Per i bambini si tratterà di una vaccinazione volontaria "e non sarà previsto nessun green pass", assicura il sottosegretario Andrea Costa. Molte regioni stanno preparando hub ad hoc con pediatri ma anche clown per iniziare già prima delle feste di Natale.

 


Intanto l'Italia continua a lottare con la quarta ondata di Covid. Nelle ultime 24 ore, per la prima volta dallo scorso 8 giugno, si registrano oltre 100 morti a causa del virus. I decessi infatti sono stati 103 con 15.085 casi e un tasso di positività del 2,6%. Continua a crescere leggermente anche la pressione sugli ospedali con un saldo dei ricoveri in area medica di +21 e quelle delle terapie intensive di +3 con 64 ingressi giornalieri. Al momento i ricoverati con sintomi sono 5.227 mentre in terapia intensiva si trovano 683 persone.
A tracciare l'identikit dei malati gravi è la Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere). Dal monitoraggio di alcune strutture sentinella al 30 novembre infatti si evince un aumento del 17% dei pazienti non vaccinati in terapia intensiva mentre la percentuale dei vaccinati cala del 10%. Negli ospedali monitorati ci sono anche 17 minorenni. Due di loro, rispettivamente di 14 e 11 anni, sono in terapia intensiva, all'ospedale pediatrico Santobono di Napoli e agli ospedali Riuniti di Ancona.

 


Che i ricoveri crescano, "anche se sotto la soglia di attenzione", lo certifica anche il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro invitando tutti ad effettuare la terza dose di vaccino e a tenere "comportamenti adeguati" visto che l'Rt è ancora superiore al valore di 1. Al momento l'incidenza in Italia si attesta a 146 casi per 100mila abitanti. Un dato in aumento ma decisamente "più basso" rispetto a quello dei paesi confinanti, precisa Roberto Speranza. Il ministro della Salute si dice soddisfatto degli ultimi risultati della campagna vaccinale dove si registra una "crescita significativa" delle prime dosi. "Lunedì sono state 32mila contro una media di 15-20 mila", spiega nel corso del question time alla Camera. In generale le dosi somministrate sono state 96,3 milioni con l'84% degli italiani vaccinabili che ha completato il ciclo vaccinale. Balzo in avanti "importante" pure per le terze dosi. "Nella giornata di ieri sono state circa 315mila", annuncia Speranza mentre i richiami complessivi sono oltre 6,5 milioni. L'obiettivo, reso noto dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa è quello di raggiungere i 20 milioni di dosi 'booster' entro la fine dell'anno. L'adesione della popolazione, dopo un periodo di netta flessione, è tornata ad essere consistente e questo permetterà alla politica non mettere all'ordine del giorno il discorso relativo all'obbligo vaccinale. Anche se - precisa Costa - per il governo "non è un tabù".

 

Leggi tutto

Ilaria Spada, l'attrice incinta del terzo figlio da Kim Rossi Stuart

Ilaria Spada è la concorrente speciale de I Soliti Ignoti, oggi 1 dicembre 2021, la trasmissione di Rai1 condotta da Amadeus. L'attrice è al cinema con Una famiglia mostruosa, film diretto da Volfango De Biasi. Dopo aver studiato ballo per quattordici anni prendendo Lorella Cuccarini e Heather Parisi come modello ("pensavo che quella fosse la mia strada, ma poi mi sono accorta che non ero felice e ho cambiato direzione”, ha raccontato in una vecchia intervista), la svolta nel cinema.

 

 

Originaria di Latina, 40 anni, madre tunisina, in passato ha raccontato alcuni dettagli piccanti sulla sua vita. A cominciare dal posto più strano dove ha fatto l'amore: in elicottero. Tutto è iniziato con la richiesta del suo ex ragazzo, di viaggiare appunto in elicottero: “Era estate - ha dichiarato tempo fa (via gossipblog.it) – da Milano dovevo raggiungere la Sardegna con il mio ragazzo per il weekend. Lui ha insistito per viaggiare in elicottero, nonostante la mia paura”. La paura poi si è trasformata in qualcosa di diverso: “Una volta in volo, l'ansia ha preso il sopravvento e ho iniziato a stare male. A quel punto lui si è impegnato a coccolarmi, e l'ha fatto così bene che abbiamo finito col fare l'amore. Per fortuna gli elicotteri sono rumorosissimi, dai due piloti ci separava solo la tendina. Fosse sempre così, non avrei paura di volare", la conclusione del racconto.

 

 

Sempre per quanto riguarda la vita privata, sul set di Questa notte è ancora nostra ha conosciuto il collega Nicolas Vaporidis: i due hanno fatto coppia per alcuni mesi, poi Ilaria ha conosciuto Kim Rossi Stuart. L'attore le fu presentato dall'amica Caterina Balivo. In un'intervista la donna raccontò che il loro primo incontro ha avuto dell'incredibile, come una scena da film: l'amica e conduttrice la costrinse ad uscire e lei si presentò in tuta e felpona. Alla festa incontrò Kim Rossi Stuart, ed è stato subito colpo di fulmine : dopo un solo mese avevano già pianificato matrimonio e figli. La coppia ha avuto due figli maschi, ma Ilaria è incinta del terzo che dovrebbe nascere a febbraio.

 

Leggi tutto

Fabrizio Piscitelli, chi era Diabolik e i misteri dell'ultrà della Lazio ucciso a Roma: come è morto e il killer

Il caso di Fabrizio Piscitelli, conosciuto come Diabolik, l'ultrà della Lazio ucciso a Roma nell'agosto del 2019 mentre era seduto tranquillamente, prima di cena, in una panchina del Parco degli Acquedotti. Un delitto ancora costellato da una serie di misteri. Così ne torna a parlare Chi l'ha visto?, su Rai3 oggi 1 dicembre 2021, con una importante esclusiva: l'intervista ai genitori del popolare Diabolik. Il suo fu infatti un agguato in stile mafioso ad oggi rimasto senza colpevoli. 

 

 

Il riconoscimento del corpo senza vita di Fabrizio Piscitelli, dopo il suo delitto, avvenne immediatamente e portò la Squadra Mobile della polizia di stato e della Direzione Distrettuale Antimafia ad avviare prontamente le indagini. Il fascicolo risulta ancora aperto per omicidio volontario aggravato dal metodo mafioso. Per gli inquirenti che indagano al caso, quella di Piscitelli sarebbe stata una vera e propria esecuzione messa in atto da un killer esperto. Un “professionista”, insomma, caratterizzato da una spietatezza tale da aver agito senza dare nell'occhio nonostante il luogo molto frequentato in pieno giorno. Secondo una ricostruzione de L'Espresso, pubblica tre mesi fa, il killer di Piscitelli - un cittadino albanese - sarebbe stato giustiziato da altri killer nella sua terra natia. Una ricostruzione giornalistica che fornisce scenari e dettagli che in nessun caso sono stati confermati dagli inquirenti con i familiari che, a distanza di due anni dall'omicidio, chiedono venga fatta piena luce sull'accaduto. Assassino che, secondo quanto riporta ancora L'Espresso, prima di essere ucciso avrebbe portato a termine un altro incarico sul litorale laziale, più precisamente a Torvaianica. Due omicidi. quello di Piscitelli e quello di Torvaianica, messi a segno con le medesime modalità dopo i quali il sicario sarebbe poi scappato in Spagna. Per poi tornare in Albania e trovare  sua volta la morte.

 

 

Ma chi era Piscitelli? Per tutti Diabolik, morì da uomo libero anche se le indagini hanno fatto trapelare la sua caratura criminale. Il suo intervento attivo nel mondo degli ultras avvenne tra la fine degli anni Ottanta e i primi Anni Novanta. In poco tempo Piscitelli divenne  uno dei capi degli Irriducibili, ovvero la frangia più estrema della tifoseria della Lazio. Prima della sua morte Piscitelli fu coinvolto in due procedimenti penali rispettivamente per tentata estorsione ai danni del presidente della Lazio Claudio Lotito e per spaccio di droga. In entrambi i casi fu condannato ma da circa un paio di anni prima del suo delitto era tornato in libertà. 

 

Leggi tutto

Zona Bianca. stasera in tv 1 dicembre su Rete4

Stasera in tv, mercoledì 1 dicembre 2021, su Rete4 in prima serata dalle ore 21,20 va in onda Zona Bianca, il talk condotto da Giuseppe Brindisi. Un programma di attualità e approfondimento, realizzato in collaborazione tra Videonews e Tg4. Ampio spazio sarà dedicato al super green pass e a come cambieranno i controlli dopo il 6 dicembre, giorno in cui questa misura entrerà in vigore in tutto il Paese.

 

 

Nel corso della serata, si parlerà poi delle vaccinazioni anti-Covid per i bambini, che in Italia prenderanno il via a fine mese ma che, come racconteranno le telecamere di Zona Bianca, sono già iniziate in Israele. E ancora, una nuova pagina dell'inchiesta sui preti no-vax, al centro di accese discussioni sui pellegrinaggi. Infine, un approfondimento sulla vicenda che ha coinvolto Greta Beccaglia, la giornalista molestata fuori dallo stato in diretta tv.

 

Leggi tutto

L'Eredità, Rosella nuova campionessa. Ma perde alla Ghigliottina

Puntata ricca di colpi di scena a L'Eredità, il quiz show di Rai1 condotto da Flavio Insinna e in onda tutti i giorni dalle 18,45.  La nuova campionessa è Rosella, "super ricercatrice" come l'ha definita il conduttore della trasmissione. Ma alla Ghigliottina non ha trovato la soluzione vincente per prendersi il montepremi finale.

 

 

Alla Ghigliottina, partita con un bottino di 140mila euro, la nuova campionessa ha giocato per 17.500 euro  a causa di alcuni "dimezzamenti" dopo le parole moderno, codice, corso, ignorare, della casa. Segnale che la campionessa ha avuto poche intuizioni buone nella scelta delle parole. Così la sua scelta per risolvere il gioco finale è ricaduta su prodotto, un termine che però non si è rivelato esatto. Quello vincente era galateo. Un gioco, quello della Ghigliottina, che cattura l'attenzione di numerosi telespettatori e traina al meglio il Tg1 con ottimi ascolti.

 

 

Rosella tornerà domani insieme a Federico, il ventiduenne più volte già campione, e la new entry Paolo, avvocato di Cosenza che ha studiato Giurisprudenza a Perugia, tutti e due battuti al triello grazie alla risposta esatta sull'homo sapiens specie più recente della storia evolutiva dell'uomo. Ci riproveranno comunque tutti e tre domani, giovedì 2 dicembre, sempre su Rai1 dalle 18,45. Appuntamento quindi con L'Eredità. 

 

Leggi tutto

Non è l'Arena, stasera in tv 1 dicembre su La7: Covid, la testimonianza di Schilirò positiva al Covid

Stasera in tv, oggi 1 dicembre 2021, su La7 va in onda una nuova puntata di Non è l'Arena, la trasmissione condotta da Massimo Giletti, che quest'anno si è spostata al mercoledì. Nella puntata di oggi ampio spazio al caso di cronaca che otto anni fa scosse i Parioli, quartiere della Roma bene: uomini adulti pagavano due ragazze liceali minorenni, in cambio di prestazioni sessuali. In studio la testimonianza di Marianna. Una delle protagoniste di quel grave scandalo, all'epoca 15enne, fatti per i quali sono ancora in corso le conseguenti vicende giudiziarie. Un'intervista forte e da non perdere. 

 

 

Ampio spazio poi all'attualità legata al Covid, con la risalita dei contagi e la diffusione della variante Omicron che preoccupano in vista del Natale: è davvero così pericolosa? E i vaccini attuali quanto ci proteggono? A Non è l'Arena il racconto di Pasquale Bacco il medico no vax che ha fatto dietrofront dopo aver visto giovani, sani prima di infettarsi, morire in terapia intensiva. Ma anche la testimonianza di Nunzia Schilirò la vicequestore no vax positiva al Covid che promette dopo la guarigione di tornare a combattere. Inoltre in studio un confronto tra due giovani, Zeno Molgora no green pass e Stan Nizzi operatore sanitario si vax.

 

 

Quindi i controlli sul green pass, quanti ristoranti lo chiedono davvero? Di tutto questo se ne parlerà con gli ospiti: Luca Telese, Maria Rita Gismondo, Peter Gomez, Tommaso Cerno, Galeazzo Bignami, Pierpaolo Sileri e Laura Cosseddu. E infine il caso Aprilia: un viaggio nella città alle porte Roma sotto i riflettori per il boom dei contagi perché in molti hanno detto no al vaccino in particolare nella comunità romena. Se ne discuterà con il sindaco Antonio Terra e Luca Monti arciprete della chiesa ortodossa della cittadina.

 

 

Leggi tutto

Covid, aumentano i nuovi casi: sono 15.085. Tasso positività al 2,6%

Ancora una giornata allarmante sul fronte Covid in Italia, oggi 1 dicembre 2021. Aumentano infatti i contagi, i morti, i ricoverati in terapia intensiva. Vediamo nello specifico cosa racconta il bollettino del ministero della Salute.

 

 

I nuovi casi di Coronavirus sono 15.085, in rialzo rispetto ai 12.764 di ieri, per un totale di 5.043.620 dall'inizio della pandemia. Si registrano 103 morti contro le 89 vittime di ieri, per un totale di 133.931 sempre dall'inizio dell'epidemia. Gli attualmente positivi sono in tutto 199.783. I tamponi effettuati sono 573.775 (ieri 719.972), con un rapporto tamponi-positivi che sale al 2,6 per cento rispetto all'1,8 per cento di ieri. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 686, tre in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 5.248. I dimessi/guariti sono 9.457 per un totale di 4.709.906 dall'inizio dell'epidemia. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono Veneto (2.656), Lombardia (2.503) e Lazio (1.638).

 

 

Sul fronte dell'obbligo del vaccino contro il Covid, si è espresso così il ministro degli Esteri, Di Maio: "Credo che, per ora, ci possiamo permettere di non affrontare questo argomento" sottolineando che ciò è possibile perché l'Italia ha una "corazza", quell'87% di cittadini sopra i 12 anni che si è completamente vaccinato. "Ci possiamo ancora permettere in questa fase di provare a convincere il 15% restante della popolazione a vaccinarsi", continua Di Maio, secondo il quale non si tratta soltanto di no vax "che fanno cose fuori dalla grazia di Dio, manifestazioni violente, ma anche disinformare con teorie fuori dal mondo". Un parte di chi non si è ancora vaccinato "ha semplicemente paura del vaccino, su di loro possiamo ancora incidere e arrivare all'obiettivo del 90% di vaccinati".

 

Leggi tutto

Rapina in banca, rubati 100mila euro a Santa Maria degli Angeli

Rapina in banca ad Assisi. Il colpo  è stato messo a segno nella filiale del Banco Desio nella centrale via Los Angeles a Santa Maria degli Angeli nella giornata di mercoledì primo dicembre. Il bottino si aggirerebbe introno ai 100 mila euro. Stando alle prime informazioni i banditi avrebbero colpito quando ancora erano presenti i dipendenti all'interno dell'istituto di credito. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per ricostruire quanto accaduto.

(notizia in aggiornamento)

Leggi tutto

Andrea Antonello, l'autismo e il viaggio con il padre Franco: la tragedia che ha coinvolto il fratello Alberto

Tutto il mio folle amore, il film in onda mercoledì 1 dicembre, è ispirato alla storia vera di Franco e Andrea Antonello. I due sono rispettivamente un padre e un figlio uniti da un grande amore e da un rapporto speciale. Andrea è un ragazzo di Castelfranco Veneto nato nel 1993 e affetto da autismo, patologia diagnosticata quando aveva poco più di due anni. Il padre Franco, un imprenditore nel mondo della comunicazione, ha deciso di combattere insieme a suo figlio Andrea questa patologia, arrivando anche a creare la fondazione I bambini delle Fate.

 

 

E così Franco ha deciso di cambiare vita in favore non solo del figlio, ma di tutti i ragazzi e i bambini affetti da gravi patologie. Ha lasciato la sua azienda ad alcuni collaboratori e ha avviato una fondazione che potesse aiutare le famiglie con disabili, ben conscio delle loro difficoltà quotidiane. Franco ha sempre ribadito quanto sia difficile per molte famiglie gestire un figlio disabile e, soprattutto, quanto grandi siano le preoccupazioni legate al futuro. Negli ultimi anni, Franco e Andrea Antonello hanno ottenuto una crescente attenzione mediatica grazie ai loro viaggi in Sudamerica e negli Stati Uniti. Questi viaggi sono stati minuziosamente documentati da papà Franco e postati sulla loro pagina Facebook.

 

 

Non si trattava di semplici viaggi di piacere volti a scoprire nuove città, ma di percorsi in cui un padre e un figlio hanno approfondito il loro legame, hanno mostrato al mondo cosa possono fare se restano insieme e, soprattutto, che la disabilità non deve essere un ostacolo. La madre di Andrea si chiama Bianca. Collabora anche lei con il progetto I Bambini delle Fate. Una tragedia invece ha scosso la famiglia Antonello: nella notte del 31 ottobre 2019, a seguito di un grave incidente stradale avvenuto dopo una festa nella discoteca King's di Jesolo, Alberto Antonello è rimasto gravemente ferito. Il ragazzo viaggiava con la fidanzata di nome Giulia Zanardin, di appena 18 anni, che non ce l'ha fatta. Alberto è stato condannato a 8 mesi di carcere perché ubriaco e senza patente in quella circostanza. La storia tra Franco e Andrea ha dato lo spunto per il romanzo Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas e il film di Gabriele Salvatores, Tutto il mio folle amore, in onda su Rai1 mercoledì 1 dicembre.

 

Leggi tutto

Chi l'ha visto?, la morte di Piscitelli: parlano i genitori di Diabolik

Stasera in tv, mercoledì 1 dicembre 2021, consueto appuntamento con Chi l'ha visto? (su Rai3, dalle ore 21,20), storico programma - tra i più longevi della televisione - condotto anche quest'anno da Federica Sciarelli. Le anticipazioni della puntata che circolano in rete raccontano di nuove ipotesi sul caso dell'efferato omicidio di Nada Cella, vicenda già ampiamente trattata negli appuntamenti precedenti: ricordiamo che il caso della segretaria uccisa barbaramente nel 1996 è stato riaperto grazie a una tesi di laurea e che ha portato allo scoperto nuovi elementi, tanto da far riaprire le indagini.

 

 

Sempre nel corso della puntata di Chi l'ha visto, Sciarelli si occuperà anche della morte di Fabrizio Piscitelli, il capo ultras della Lazio conosciuto come Diabolik: per la prima volta parleranno i suoi genitori.

 

 

Infine, sempre nella puntata di stasera, si tornerà a parlare della misteriosa morte di Roberto Straccia, lo studente scomparso da Pescara mentre faceva jogging, il cui corpo è stato restituito dal mare qualche tempo dopo: prima di essere ucciso è stato tenuto prigioniero per giorni?

 

Leggi tutto

Valeria Golino, le storie con Benicio Del Toro e Riccardo Scamarcio: ora l'amore con Fabio Palombi

Valeria Golino è una delle attrici più famose in Italia e non soltanto. Nata a Napoli il 22 ottobre 1965, sotto il segno zodiacale della Bilancia, da padre italiano e madre greca, con origini egiziane e francesi, ha debuttato nel mondo dello spettacolo come modella. In seguito ha appunto intrapreso la strada che l'ha resa celebre, quella del cinema.

 

 

L'attrice, che nel tempo ha dimostrato una versatilità fuori dal comune, ha preso parte a pellicole d'autore, fra cui ricordiamo almeno Rain Man (con Dustin Hoffmann e Tom Cruise), Hot Shots, Hot Shots 2, Respiro, I villeggianti, Miele, Storia d'amore, Figlia mia, Frida, Caos calmo, Puerto Escondido, Texas e Il nome del figlio. Per quanto riguarda la vita privata, Valeria Golino è finita spesso nel mirino del gossip per via delle sue relazioni sentimentali. La più nota di tutte è stata quella con Riccardo Scamarcio. La coppia è stata anche a un passo dal matrimonio, invece è arrivata la separazione.

 

 

L'attrice, che non ha figli e non è riuscita ad averne uno con lo storico ex come invece avrebbe voluto, a riguardo ha dichiarato: “Credo che non avere figli precluda una serie di cose che mi sarebbe piaciuto avere, però ti dà la libertà di te stesso - ha dichiarato in una vecchia intervista -. Detto questo, anche il desiderio del figlio rimane uguale: non vuol dire che, perché il corpo non può più, lo superi, come sempre ti adatti". Fra gli ex amori celebri della Golino, anche Benicio Del Toro. Da qualche tempo, l'artista partenopea è legata all'avvocato Fabio Palombi, di 24 anni più giovane di lei. Tra le curiosità sul suo conto, fu scartata per il ruolo che ha poi reso famosa Julia Roberts nel mitico film Pretty Woman. Valeria Golino è tra i protagonisti del film Tutto il mio folle amore, in onda su Rai1 mercoledì 1 dicembre.

 

Leggi tutto

Torna Un regalo per Dodo in ricordo di Edoardo Ceccarani: raccolta a favore del Gattile di Gualdo Tadino

Torna l'iniziativa “Un regalo per Dodo”. La famiglia di Edoardo Ceccarani, deceduto nel settembre dello scorso anno in un incidente stradale a Valfabbrica, ripropone per venerdì 3 dicembre 2021, giorno del compleanno del ragazzo di Valfabbrica, una raccolta a favore del Gattile di Gualdo Tadino. Chi volesse festeggiare il compleanno di Dodo venerdì può consegnare le crocchette per gatti all'agenzia Tecnocasa di Gualdo Tadino, in piazza Martiri della Libertà (orario di apertura 9-13 e 15.30-19). “Quest'anno - spiegano dalla famiglia - abbiamo deciso di unire le forze per aiutare i gattini di Gualdo Tadino. Parlando con i volontari abbiamo saputo che manca del cibo. Per questo chi vuole festeggiare con noi il compleanno di Dodo, che ha sempre amato gli animali, può portare delle crocchette per gatti che poi consegneremo alle associazioni che se ne prendono cura. Grazie mille anche a tutti coloro che vorranno partecipare in modo autonomo e anonimo, compiendo un gesto buono ovunque si trovino”. Lo scorso anno grazie all'iniziativa della famiglia Ceccarani sono stati raccolti 800 chili di cibo per animali e un cane abbandonato ha trovato una nuova famiglia

 

Leggi tutto

Vaccino, un umbro a Cuba per sperimentare la dose booster

Trentacinque volontari italiani hanno preso parte al progetto Soberana Plus Turin promosso dall'Instituto Finlay de L'Habana (Cuba) e dall'Ospedale Amedeo di Savoia di Torino. E' uno studio clinico per testare l'efficacia di questo vaccino utilizzato come dose booster in persone a cui sono già state somministrate le prime due dosi, anche di vaccini diversi. “Il vaccino Soberana Plus – spiega il laboratorio dell'ospedale Amedeo d'Aosta di Torino guidato dalla dottoressa Valeria Ghisetti - si proietta in una posizione strategica particolare, ovvero come potenziale strumento di richiamo in soggetti già vaccinati o che abbiano superato in passato l'infezione spontanea. I risultati hanno dimostrato la sua elevata immunogenicità (maggiore del 96% di presenza di anticorpi specifici) e la sicurezza”. Il Soberana Plus è il terzo vaccino realizzato a Cuba: il primo, Abdala, ha raggiunto un'efficienza del 92,2% con tre dosi nella fase finale degli studi; il Soberana 02 combina l'antigene del virus e il tossoide del tetano per stimolare la risposta del sistema immunitario, mentre Plus include due domini di legame al recettore collegati tra loro con idrossido di alluminio.

Tra i volontari italiani a cui è stata inoculata la dose booster di Soberana Plus, anche Alessandro Pacini, 43enne folignate. Laureato in sociologia con specializzazione in comunicazione alla Sapienza di Roma e specializzato in social media intelligence e analisi dati, ha lavorato per il governo ecuadoriano ed è attualmente consulente aziendale.

 

 

Perché ha deciso di prendere parte a questo studio?

Perché il vaccino Soberana, sviluppato a Cuba e finanziato al 100% dallo Stato, è ritenuto il secondo vaccino più efficace al mondo e il primo in termini di sicurezza. La situazione epidemiologica mondiale, la sua elevata trasmissibilità e l'emergere di nuove varianti, aumenta il rischio di infezione anche tra i vaccinati. Per queste ragioni lo studio punta a rafforzare l'immunità, nel caso dei soggetti già vaccinati come me, con l'aggiunta di una dose di richiamo, appunto il Soberana Plus, progettata e creata nei laboratori Cubani.

Quanto è durata la vostra permanenza a Cuba?

Siamo partiti il 15 novembre dall'Italia e siamo tronati il 26, in questo periodo di permanenza abbiamo soggiornato presso il centro medico La Pradera, lo stesso che a suo tempo ha curato Maradona e Hugo Chavez.

Quando saranno resi noti i risultati dello studio?

Al nostro arrivo a Cuba ci è stato fatto un prelievo di sangue per verificare il livello di anticorpi; successivamente ci è stato inoculato il Soberana Plus, il terzo a essere stato approvato a Cuba. Il 15 dicembre a Torino sarò sottoposto a un nuovo prelievo di sangue che ci dirà di quanto è aumentato il livello degli anticorpi.

Come eravate monitorati durante la permanenza a Cuba?

Tutte le mattine c'era un medico presso la clinica dove risiedevamo. E' stata anche predisposta una app nel telefono per segnalare eventuali effetti collaterali. Ad oggi nessuno di noi ha riscontrato alcun tipo di evento avverso. Anche il classico dolore al braccio del vaccino, con il Soberana non si è presentato.

 

 

Com'è la situazione epidemiologica a Cuba?

Cuba viaggia oggi verso il 90% della popolazione vaccinata, tutti con 3 dosi. Hanno anche messo a punto un vaccino pediatrico che somministrano ai bambini dai 2 anni in su. Prima di riaprire le scuole hanno vaccinato tutti gli studenti cubani con una rapidità e un efficienza da primo mondo. A fine agosto Cuba aveva una media di 9.000 casi e 85 morti al giorno. Il 22 novembre si sono registrati 240 casi, nessun deceduto per Covid. La comunità scientifica lo considera un successo su tutta la linea.

E sul fronte sanitario?

Cuba è una splendida eccezione. E' un paese povero del terzo mondo, ma la sua sanità è paragonabile ai paesi industrializzati. Il servizio sanitario è gratuito e capillarmente distribuito in tutto il territorio nazionale, garantendo cure e qualità della vita a tutta la popolazione. Cuba si è anche dotata anche di una equipe medica di solidarietà, la brigata Henry Reeve candidata al Nobel per la pace, che gira il mondo per portare cura mediche dove c'è bisogno: lo fece anche in Italia dove due medici cubani si infettarono e morirono per il Covid. Crema ha da poco dedicato una piazza a questo contingente medico.

 

Leggi tutto

Ocse, cresce il Pil. La ripresa però è disomogenea

Una schiarita sull'economia italiana. E' quella quantificata dall'Ocse, nel suo outlook di dicembre. La crescita prevista per il 2021 è del 6,3%, con uno 0,4% di rialzo rispetto al 5,9% dell'Economic survey sul nostro paese redatto nello scorso settembre. Il rapporto ha messo in evidenza come l'economia abbia mantenuto un ritmo sostenuto, con conseguenze positive sul comparto servizi dovute all'allentamento delle restrizioni anti Covid. Peraltro, viene sottolineato come nel trimestre luglio-settembre sia cresciuta la produzione industriale, così come le vendite al dettaglio, confermando quindi le fotografie dell'Istat.

 

 

Tuttavia, per quanto riguarda la prospettiva vengono evidenziati obiettivi e problemi. Dal primo punto di vista viene incoraggiata la continuazione del cammino per le riforme strutturali, soprattutto sul campo dell'efficientamento dalla P.A, la digitalizzazione della giustizia e la riforma fiscale (anche se, su questo punto, è sempre un giudizio da prendere con le molle considerando che l'Ocse invoca da tempo un aumento della tassazione sugli immobili). Altro tema, che riguarda il novero dei problemi, è quello del debito pubblico. Viene sottolineata una “tendenza decrescente”, per quanto gli “alti livelli” rimangano una “fonte di potenziale vulnerabilità, insieme ai rischi legati al Covid”.

 

 

Sul quadro occupazionale, inoltre, il tasso viene preventivato al 9,6% nel 2021 per scendere progressivamente sino all'8,4%. E su questo tema viene evidenziato come la ripresa dell'occupazione sia debole rispetto alla ripresa dell'attività. Tutto questo si innesta con una delle criticità ormai radicata nel mercato del lavoro italiano, ossia la difficoltà di incrocio tra domanda e offerta, che purtroppo interviene negativamente sull'occupabilità dei più giovani. Tutto questo è stato, peraltro, peggiorato negli ultimi due anni dall' “incidente di percorso” del reddito di cittadinanza.

 

Leggi tutto

Inferno di fuoco sulla Flaminia, rimossa la motrice

E' stata rimossa nella giornata di mercoledì 1 dicembre la motrice dell'autocisterna andata a fuoco sulla Flaminia, tra Spoleto e Terni, martedì mattina 30 novembre. Le fiamme, che hanno mandato in fumo 30 mila litri di benzina, hanno ridotto la motrice in un ammasso di rottami e le operazioni di recupero sono state meno complicate del previsto.

 

 

 

Nel drammatico incidente di martedì è rimasto ustionato il conducente (un 52enne residente ad Assisi), ricoverato con prognosi riservata all'ospedale Sant'Eugenio di Roma anche se per fortuna non è in pericolo di vita. La statale Flaminia tra Spoleto e Terni è stata riaperta nella serata di martedì a senso unico alternato con semaforo. Per la viabilità quella di martedì è stata una giornata campale. L'incendio sulla Somma infatti ha costretto le autorità all'immediata chiusura del tratto della Flaminia tra Spoleto e Terni, con il disco rosso scattato a sud in zona San Carlo e a nord in zona Pompagnano, mentre sul valico si precipitavano quattro squadre di pompieri, complessivamente venti uomini, provenienti da Terni, Spoleto, Foligno e Perugia. Loro con sei mezzi sono riusciti a domare nel giro di un'ora le fiamme, anche se poi l'intervento è proseguito per l'intera giornata. Soltanto nel tardo pomeriggio di martedì si è riusciti a rimuovere dalla Flaminia motrice e rimorchio, permettendo a personale Anas di valutare compiutamente i danni provocati dall'incidente e dal rogo conseguente.

 

 

Le prossime ore saranno decisive anche per Anas per disporre un intervento più organico, visto che c'è da rifare completamente la carreggiata interessata dalle fiamme, reinstallare la protezione sfondata dalla motrice e ricostruire il muretto in pietra a lato della carreggiata, pesantemente danneggiato dall'incendio. Per il ritorno alla normalità completa bisognerà aspettare qualche giorno. Sui tempi, infatti, nessuno si sbilancia. Almeno al momento.

 

Leggi tutto

Si ferma con l'auto in mezzo alla strada e spara a una famiglia di cinghiali: cosa rischia il cacciatore | Video

Episodio incredibile da Alessandria, per un video diventato ben presto suo malgrado virale sui social network e su Youtube. Una autentica follia, con un cacciatore che ha fermato la sua auto in mezzo a una strada, per poi sparare contro una famiglia di cinghiali che si trovava in un prato al fianco della strada.

 

 

Una scena ripresa da alcuni passanti e poi postata sulla pagina Facebook del gruppo cacciatori di Alessandria. Il punto, però, è che l'uomo ha aperto il fuoco proprio dietro all'ospedale Borsalino, in una zona quindi in cui sarebbe vietato sparare. Il gesto quindi è costato al cacciatore non soltanto una denuncia: ora rischia anche il ritiro del porto d'armi.

 

Leggi tutto

Greta Beccaglia, il molestatore si trasferisce in un luogo segreto: "Non sono un mostro, ho paura per mia figlia". Chi è Andrea Serrani

Andrea Serrani, l'uomo che sabato ha dato una pacca sul sedere alla giornalista Greta Beccaglia in diretta tv, denunciato dalla donna, ora è indagato per violenza sessuale per il quale il Codice Penale prevede la reclusione da 6 a 12 anni. Un gesto folle quello del tifoso della Fiorentina all'uscita dallo stadio Castellani di Empoli che può avere ripercussioni su più vite considerando che ha una moglie e una bambina piccola.

 

 

Ma chi è Serrani? Marchigiano, 45 anni, ristoratore, è proprietario del ristorante Il Ranocchiaro di Chiaravalle, in pieno centro storico. Una moglie, conosciuta quando lavorava in Grecia, e una figlia, è un grande appassionato di calcio e tifoso della Biagio Nazzaro, squadra locale marchigiana, e della Fiorentina. Intanto ha ricevuto un Daspo di tre anni. "Ho fatto una cavolata, mi descrivono come un violentatore, ma io non sono così. Lo sputo sulla mano? Stavo tossendo. A casa mi hanno detto: come ti è venuto in mente? Me l'ha detto anche la mia compagna. Sanno che non sono una persona cattiva. Stiamo passando tutti i dispiaceri possibili del mondo. Uno lavora una vita, si crea una vita e poi guardate cosa succede" ha detto intervistato da La Zanzara

 

 

Il legale, l'avvocato Sabbatini, aggiunge: "Il suo gesto è stato grave e lui si è perfettamente reso conto dell'imperdonabile errore che ha commesso. Nessuno di noi intende minimizzare l'accaduto e tutti siamo molto sensibili al tema della violenza sulle donne ma mi sento di dire che il linciaggio mediatico a cui è sottoposto il mio assistito è esagerato, anzi, vergognoso". Intanto il ristorante è chiuso, Serrani si è momentaneamente trasferito in un luogo segreto: "Riaprirà nel fine settimana anche perché ora lui ha bisogno di riposare. Certo, nutre anche qualche timore per le conseguenze lavorative" e per la figlia "oltre ad altre ripercussioni ma, per contro, ha la solidarietà di tanta gente" ha concluso il legale.

 

 

 

Leggi tutto

Million Day, i numeri vincenti dell'estrazione di oggi mercoledì 1 dicembre 2021

Ecco i numeri vincenti di Million Day, con l'estrazione di oggi, mercoledì 1 dicembre 2021. Come ogni giorno il gioco mette in palio un premio che ammonta a un milione di euro e l'estrazione delle ore 19 è sempre molto seguita dagli amanti di questa particolare lotteria. Cinque i numeri da indovinare, estratti ogni giorno da Lottomatica, per una giocata che può cambiare la vita.

 

 


Ecco i cinque numeri vincenti di oggi, mercoledì 1 dicembre 2021: 8-16-30-49-55.

 

Leggi tutto

Caro bollette, Salvini avverte: "Luce e riscaldamento non garantiti per tutti"

Matteo Salvini è intervenuto sul tema del caro bollette, in particolare luce e gas. "Qualcuno sui giornali inizia a parlare non di lockdown ma di blackout: non voglio fare l'uccello del malaugurio e lavoriamo per evitarlo, al presidente Draghi ho chiesto uno sforzo in manovra economica per mettere altri incentivi alle imprese e alle famiglie per evitare il caro energia. Però, spero di essere smentito, l'inverno non è ancora cominciato, le riserve di gas a livello europeo sono le minori dagli ultimi dieci anni a questa parte e se c'è un inverno freddo, con i costi di produzione e di erogazione che ci sono adesso, non è garantito che tutti possano accendere la luce o accendere il riscaldamento da qui alla fine dell'inverno", il monito del segretario della Lega all'assemblea Alis, l'Associazione logistica dell'intermodalità sostenibile.

 

 

Salvini ha aggiunto: "Possiamo parlare di sovranità, ma se sono dipendente dagli umori o dagli interessi economici del resto del mondo per quello che mi serve di più per la mia azienda, per la mia famiglia, per la mia scuola, per il mio ospedale, per il mio Comune, per il mio negozio, che è la luce e il gas, evidentemente - ha detto ancora il leader del Carroccio - dobbiamo rivedere qualcosa nelle nostre politiche industriali".

 

 

Sulla questione anche il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti (Lega) è intervenuto durante il question time in Aula a Montecitorio. "Il governo è pienamente consapevole di come l'aumento dei prezzi dell'energia in generale e del gas in particolare impatti negativamente su tutte le aziende con processi produttivi ad alto dispendio energetico - ha spiegato il Ministro -. La situazione è sicuramente aggravata nel settore delle vetrerie di Murano, che si lega stabilmente alla filiera del turismo, attualmente penalizzata dalla situazione pandemica. Il governo è immediatamente intervenuto con provvedimenti d'urgenza volti a fronteggiare gli incrementi delle bollette energetiche".

 

 

Leggi tutto

  • Visite: 380

Licenza SIAE n. 202000000154 - Licenza SCF n. 167/5/21

PAGE TOP