I Malavoglia - di Serenella Mariani

I MALAVOGLIA - GIOVANNI VERGA


“I Malavoglia” di Giovanni Verga, è un libro che ho amato fin dai tempi della scuola, facendomi apprezzare il suo autore.
La vicenda raccontata si svolge ad Aci Trezza, in Sicilia, in cui ci viene narrata la storia della famiglia Toscano, detta da tutti “ I Malavoglia”.
Padron ‘Ntoni è il capofamiglia e la solidità economica della famiglia stessa è garantita dal peschereccio chiamato “La Provvidenza” e dalla loro tenuta “la casa del Nespolo”. Le disavventure per questa famiglia si susseguono: Il giovane ‘Ntoni (nipote di Padron ‘Ntoni) deve partire per la guerra e la famiglia deve assumere un lavorante per sostituirlo, le cose con la pesca non vanno bene e c’è anche la dote da pagare per il matrimonio di Nena.
Padron ‘Ntoni decide di tentare il commercio, ma la Provvidenza naufraga e muore suo figlio Bastianazzo.  Il peschereccio trasportava un carico di lupini, tutto perduto, acquistato con i soldi presi da un usuraio. Questo decreta la caduta dei Malavoglia che perdono tutto, casa compresa.
Ma le disavventure non finiscono qui, il colera uccide la moglie di Bastianazzo. Riparano la “Provvidenza”, ma un nuovo naufragio lascia la famiglia senza lavoro, costringendoli a fare lavori poco redditizi.
Il giovane ‘Ntoni, finito il militare, non torna a casa per aiutare la famiglia, anzi si dedica ad una vita dissoluta. Per difendere la sorella Lia finisce in carcere. La famiglia così è completamente distrutta. Riusciranno a ricomporsi e a ricreare il nucleo che erano?
Questo romanzo racconta di poveri e sconfitti, schiacciati dall’egoismo e dalla superficialità delle persone e dal destino che non si cura dei sacrifici della povera gente, in cui la fede nella provvidenza rimane l’unica consolazione di fronte alle avversità e all’avvento del progresso che arriva a stravolgere le consuetudini di una civiltà già consolidata. Le sfortunate vicende di una famiglia in una società non tanto diversa dalla nostra, in cui l’interesse è la cosa più importante.
Un classico letto sui banchi di scuola, ma destinato a rimanere dentro per sempre, una storia apparentemente pesante, tragica, ma allo stesso tempo emozionante e commovente. Una lettura piacevole che offre tanti spunti di riflessione ancora oggi dopo tanti anni. Da leggere assolutamente.

  • Visite: 56

Citazioni Musicali
The artists always reflect the times, so there's a lot to think about, a lot of unknowns, a lot of things that are describable. This is the closest I've seen to the kind of ambience that made the '60s happen. It's not about the artist having a responsibility to do anything. They have to be artists and express themselves and everything will work out fine.
Neil Young
Neil Young
Citatis.com

Licenza SIAE n. 202000000154 - Licenza SCF n. 167/5/21

PAGE TOP