On Air: Loading ...---

  • Home
  • Cultura
  • Il Chiascio non è solo un fiume...- Elisabetta Fratellini

Lunedi in Radio

  • 00.15

    Musicology

    Pietro Gaeta

  • 01.15

    Beautiful R.A.P.

    Senza parole music only

  • 02.15

    New Talents

    Senza parole music only

  • 03.00

    Welcome World

    Senza parole music only

  • 04.00

    New Talents

    Senza parole music only

  • 04.30

    Italian Music

    Senza parole music only

  • 05.30

    World Music

    Senza parole music only

  • 06.55

    Oroscopo

    Mago Girolamo

  • 07.00

    Top Selection

    45 minuti non stop

  • 07.50

    Spazi

    Max Mollica & Gemmano

  • 08.00

    Special

    Matteo Morelli

  • 09.00

    Come Eravamo

    Pino Gambacorta

  • 10.15

    Musica dallo Stivale

    Gianpiero Valecchi

  • 11.40

    Filastrocche

    Monica Steger

  • 11.45

    Formula Indie

  • 13.45

    La voce del Chiascio

    Elisabetta Fratellini

  • 13.55

    Poesie

    Mari Mantovani

  • 14.00

    Karate Italy

    Elisa Tentellini

  • 14.30

    Special

    Matteo Morelli

  • 15.45

    Sport Benessere e Salute

    Emanuele Mocci

  • 16.00

    Tutti Pazzi per Fido

    Marco Bottieri

  • 16.30

    Noi siamo infinito

    Laura V. Mantovani

  • 17.45

    CESVOL Umbria

  • 17.50

    Finalmente...parleremo di misticismo!

    F. Baciucco

  • 18.00

    Welcome World

    Carlo Mantovani

  • 19.00

    Parole di Musica

    Marialuisa Giammarioli

  • 19.30

    Music Selection

    Speakers Vari

  • 20.00

    Le Favole

    Antonella Nunnari

  • 20.05

    Karaoke

    Michele Menghini

  • 20.30

    La città del Sole

    Serenella Mariani

  • 20.45

    Father and Son

    Antonello Tacconi

  • 21.45

    Antenna Web

    Only Music by Charlie One

  • 22.30

    Mezz'ora con...Fusion

    Sandro Fumini

  • 23.00

    Night Selection

    Il meglio delle selezioni di R.A.P.

  • 23.55

    Poesie

    Amedeo Susta

Il Chiascio non è solo un fiume...- Elisabetta Fratellini

Il Chiascio non è solo un fiume, è un itinerario naturale tra i Castelli del Contado di Assisi

In una cornice unica nel suo genere il fiume Chiascio attraversa il territorio dei Castelli di Petrignano, Sterpeto Torchiagina, Rocca Sant’Angelo e San Gregorio. Esso, per secoli ha segnato il confine tra le terre di Assisi e Perugia, città eterne rivali, ed ha determinato le sorti dei Castelli sorti lungo i suoi argini, che furono teatro di eterne guerre e di lotte furibonde.

Gli ambienti naturali che si susseguono sono molti, ciascuno di essi presenta aspetti pregevoli non solo dal punto di vista naturalistico, ma anche sul piano storico e culturale.
Le dinamiche naturali che caratterizzano l’ambiente fluviale di pianura, sono dominate da una lunga fascia boscata che accompagna il lento deflusso del Chiascio verso il Tevere.
Salici, ontani e pioppi sono le essenze dominanti di questi boschi ripariali, in grado di sopportare periodiche inondazioni e capaci di crescere anche su terreni ghiaiosi e sabbiosi.

05
01
03
02
04

Le superfici coltivate di pianura ai margini del fiume, sebbene siano habitat creati dall’azione dell’uomo, costituiscono un ambiente di pregio dal punto di vista naturalistico, meritando l’inclusione nell’area protetta al pari di altri ambienti naturali.

I contesti agricoli di pregio rimasti, hanno un ruolo fondamentale per la conservazione della flora e della fauna selvatiche, assicurando la disponibilità di corridoi ecologici, rifugi sicuri contro i predatori, sono luoghi indisturbati per la riproduzione e vanno difesi con le unghie e con i denti dall’avanzata del cemento e dell’asfalto frutto di scelte politiche non lungimiranti (a dire poco), che hanno un impatto devastante sul delicatissimo territorio esistente.
Il tratto planiziale del Chiascio costituisce un ecosistema unico nelle nostre pianure, dove numerosi gruppi faunistici, tra cui rare specie di pesci e molti uccelli, trovano un habitat adatto alla loro sopravvivenza, in perfetta sintonia con i ritmi stagionali del fiume.

07
08
09
10
06

Si possono riconoscere uccelli in parte sedentari, molti di loro sono migratori. negli ultimi anni si è incrementata notevolmente la biodiversità del sito, come registrato dai naturalisti che nel corso dei monitoraggi eseguiti, hanno censito la presenza di numerose specie di avifauna tra cui l’airone cinerino che vi nidifica ogni anno, germani reali, alzavole, limicoli e il martin pescatore di cui, recentemente, sono stati avvistati alcuni esemplari nelle zone di scoglio affiorante e nella amena spiaggia di ciottoli e sabbia presente nell’ansa del fiume sottostante il Castello di Sterpeto.

Grazie ai processi di rinaturalizzazione attualmente in corso nell’area dell’ex cava, i laghi di cava potranno diventare un ambiente di pregio dal punto di vista naturalistico, dando vita ad un habitat lacustre altrimenti assente nelle nostre pianure, essenziale per la sopravvivenza di molti uccelli acquatici e numerose altre specie.

13
14
12
15
11

Il fiume segna un itinerario naturale tra i Castelli che costeggiano il Chiascio alla scoperta di storia, natura e tradizioni. Qui siamo nel bel mezzo del territorio di Assisi, anzi in quel Contado Assisano che arricchisce ed integra lo straordinario complesso di arte e architettura iscritto dall’Unesco nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità ed in quanto tale va difeso, tutelato, amato, rispettato, reso praticabile attraverso la creazione di un sentiero naturalistico affinché possa essere percorso in sicurezza da chi ne voglia apprezzare la sua straordinaria bellezza.

Elisabetta Fratellini